You Are Here: Home » Cronaca anzio » Villa dei Pini, 53 licenziamenti

Villa dei Pini, 53 licenziamenti

Villa dei Pini, 53 licenziamenti

Cgil, Cisl e Uil di categoria denunciano il caso della Casa di Cura Villa dei Pini di Anzio che ha annunciato 53 licenziamenti “del tutto illegittimi, privi di giusta causa e/o giustificato motivo, comunque non conformi alle norme di legge e contrattuali”.

“L’amministrazione della casa di cura – sostengono i sindacati – ricorre a detti licenziamenti a fronte di una esposizione debitoria risalente al 2004 e per fatti non certo riconducibili alla spesa sostenuta per i lavoratori. In un primo tempo ci è stato detto che con l’aumento dei posti letto di Emodialisi da parte della regione Lazio si poteva in gran parte superare il problema; invece nei colloqui intercorsi nell’ambito della procedura a nulla sono valsi gli appelli alla ragionevolezza e alla possibilità di trovare soluzioni a fronte della determinatezza dell’Azienda a “licenziare a prescindere” ed affidare i servizi di centralino, portineria, amministrativi, manutentori, cucina e pulizie in appalto.

“La spregiudicatezza con la quale con l’imprenditoria privata opera sul mercato – è scritto in un comunicato – applicando contratti di Lavoro al ribasso, con normative stravolte fanno si che si sia creato un clima a dir poco terroristico basato su di un panorama di crisi che strangola le famiglie”.

“Chiediamo alla Regione di fare chiarezza in quel tavolo negoziale tanto auspicato nell’ultima Assemblea avuta alla Regione Lazio di cui il Governatore si è fatto garante, rivedendo gli Accreditamenti e le regole troppo spesso “intese” e “interpretate” a convenienza”.

© 2011-2013 Realizzazione siti web anzio | Posizionamento sui motori di ricerca by WebGhighi.com

Scroll to top