You Are Here: Home » News dal Comune » 69° Anniversario della Liberazione d’Italia

69° Anniversario della Liberazione d’Italia

69° Anniversario della Liberazione d’Italia

Anzio Piazza Garibaldi, Monumento ai Caduti
L’intervento del Sindaco, Luciano Bruschini, a 10 anni esatti dal conferimento della Medaglia d’Oro al Merito Civile alla Città di Anzio

Saluto le autorità politiche, civili, religiose e militari, le Associazioni combattentistiche e d’arma, la Banda Musicale della Città di Anzio e tutti i cittadini che sono intervenuti a questa importante iniziativa che celebra il 69° Anniversario della Liberazione d’Italia.

Un saluto al Generale, Adriano Vieceli, al Sindaco di Nettuno, Alessio Chiavetta ma, consentitemelo, un abbraccio ideale al Partigiano, Mario Battistini, nostro concittadino, scomparso lo scorso anno, presente nei nostri cuori.

Il 25 aprile è una pietra miliare della nostra storia, in quanto costituisce una tappa fondamentale per tutti noi ma è anche un giorno di Festa che ci deve vedere tutti uniti all’insegna della Libertà e della Democrazia.

Il 25 aprile rappresenta la fine della dittatura ed il termine del ventennio fascista avvenuto il 25 aprile 1945, giorno della liberazione delle città di Milano e Torino, che saranno successivamente seguite dalla liberazione della resto della nostra Nazione.

La Festa della Liberazione celebra anche l’importante ed essenziale contributo dato alla Resistenza dai nostri Partigiani per un’Italia libera.

Non dobbiamo allo stesso tempo dimenticare i nostri tanti soldati che, dopo l’8 settembre, pur in una complessa situazione, senza tentennamenti, si sono schierati dalla parte della libertà e per un’Italia unita, con una sola bandiera: il nostro Tricolore.

Allo stesso tempo, come abbiamo fatto in occasione delle celebrazioni per il 70° Anniversario dello Sbarco di Anzio, dobbiamo sempre ricordare l’apporto delle truppe alleate, che si immolarono a difesa dei nostri stessi ideali di libertà e di democrazia, anche con il sacrificio della propria vita.

In quel contesto storico, dobbiamo sempre mantenere vivo il ricordo dell’estremo sacrificio di tanti cittadini di Anzio che, con grande dignità, sopportarono enormi sacrifici evidenziati, dal Presidente della Repubblica, con il conferimento alla nostra Città della Medaglia d’Oro al Merito Civile.

Ma da questo 25 aprile 2014 il sacrificio estremo di molti nostri concittadini è ancora più evidente sul nostro Monumento ai Caduti dove sono scolpiti i nomi dei cittadini di Anzio, sia civili che militari, che hanno sacrificato la loro vita per la nostra Libertà.

La Festa delle Liberazione simboleggia l’inizio di un percorso storico nuovo, libero, democratico, che porterà al referendum del 2 giugno 1946, alla nascita della Repubblica ed alla stesura della Costituzione.

La Festa della Liberazione ci deve vedere uniti nei valori fondanti della nostra Nazione, contenuti nella nostra Costituzione Repubblicana in cui TUTTI ci riconosciamo.

L’eredità morale della Resistenza e la lotta per la Liberazione d’Italia, vivono nella Costituzione dove sono presenti i valori sui quali si fonda l’Italia moderna: la libertà di parola e di pensiero, la libertà di associazione, la libertà di religione, di diritto al lavoro ed alla casa ma soprattutto ad una vita dignitosa per ogni cittadino del nostro Paese.

In questa giornata è doveroso ricordare i tanti soldati che, dopo l’8 settembre, senza tentennamenti, si schierarono dalla parte della libertà e le nostre Forze Armate che sono impegnate, in nome della libertà, per assicurare la democrazia nei luoghi più disparati del pianeta.

Ma oggi 25 aprile tutti noi auspichiamo la Liberazione dei nostri due Marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, trattenuti assurdamente in India da oltre due anni: sono due figli della nostra Patria… tutti insieme esprimiamo la nostra solidarietà alle loro famiglie, con l’auspicio che, finalmente, sia arrivato il momento del loro rientro a casa.

Viva Anzio, Viva l’Italia, Viva La Liberazione.

© 2011-2013 Realizzazione siti web anzio | Posizionamento sui motori di ricerca by WebGhighi.com

Scroll to top